Seguici su YouTube Seguici su Facebook Seguici sul nostro blog
  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.

Fuocoammare e i volti dei migranti

Inviato da il in Categoria Missione

 

Il tema dei migranti è probabilmente il più dibattuto, assieme a quello legato alla minaccia terroristica (e talvolta maldestramente intrecciati).

Leggiamo ogni giorno dei destini incerti, pericolanti di questi uomini, donne e bambini in fuga da drammi, guerre, carestie e comunque in cerca di una vita diversa, più dignitosa.

L’occidente tende a porsi domande superflue; è tipico di chi vive nel superfluo.

Una di queste domande è se dobbiamo accettarli o meno.

Se dobbiamo aprire la nostra porta o meno.

La nostra porta, lo capiremo prima o poi, quando Dio ci ha consegnato il pianeta, non aveva lucchetti o catene.

La terra sulla quale ci troviamo è tanto nostra quanto del fratello che viene verso di noi.

Inutile sottolineare che una più profonda penetrazione del cristianesimo e della sua essenza nella nostra società ci aiuterebbe a porci la domanda più giusta che non è se accogliere o meno un fratello disperato, ma come.

Così come per capirsi fra persone è opportuno guardarsi in faccia, allo stesso modo, guardare i volti di questi uomini potrebbe aiutarci a capire, senza fronzoli retorici, la loro condizione e, di conseguenza, la nostra responsabilità.

 

Fuocoammareè un documentario di Gianfranco Rosi. I volti di quelle persone li troverete lì. Vi consigliamo di guardarlo. Il regista racconta Lampedusa attraverso la storia di Samuele, un ragazzino che vive e gioca sulla terraferma mentre tutto, attorno a lui, parla di mare e di quelle migliaia di donne, uomini e bambini che quel mare, negli ultimi vent'anni, hanno cercato di attraversarlo trovandovi spesso, troppo spesso, la morte. 
Samuele non incontra mai i migranti. A farlo è invece il dottor Bartolo, unico medico di Lampedusa costretto dalla propria professione a constatare i decessi ma capace di non trasformare tutto ciò in una macabra routine, conservando intatto il senso della partecipazione al dolore altrui.

 

Qua il link del trailer

https://www.youtube.com/watch?v=uRPBH3LC4aU

 

 

Vota:
0

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite Venerdì, 14 Dicembre 2018